L’equilibrio della finzione equiparata ad una emozionalità espressa dalla donna